FOX

Kojima come Kubrick e Miyamoto: sarà insignito della Fellowship ai BAFTA Awards

di - | aggiornato

La Fellowship dei BAFTA premia i creativi che hanno firmato lavori notevoli con le arti realizzate con le immagini in movimento: i videogiochi sono compresi e Hideo Kojima si aggiunge a una lista di celebri autori, del cinema e dei videogame.

Hideo Kojima in una foto promozionale dei BAFTA BAFTA

0 commenti

Condividi

I videogiochi stanno ritagliandosi sempre di più un loro spazio tra i mezzi di comunicazione che finiscono sotto la lente d'ingrandimento di enti e associazioni culturali. La via tracciata potrebbe, un giorno, portare il videogame a essere considerato una volta per tutte come una forma espressiva al pari del cinema: sicuramente, è qualcosa in cui crede il BAFTA, che attraverso la sua divisione Games ha annunciato che, quest'anno, concederà la sua Fellowship al game director giapponese Hideo Kojima.

Le parole del BAFTA

Con un annuncio sul suo sito ufficiale e sui suoi canali social, il BAFTA ha rivelato che l'autore di Death Stranding e dell'acclamato franchise Metal Gear riceverà ufficialmente il premio il 2 aprile, come "riconoscimento per il suo contributo creativo all'industria".

Come sottolineato in un tweet, il premio in questi anni è stato assegnato a tantissime personalità di rilievo nel mondo delle "motion pictures": si va da Steven Spielberg ad Alfred Hitchcock, passando per Stanley Kubrick e, nel mondo dei videogiochi, per il leggendario Shigeru Miyamoto (Nintendo), per Will Wright (autore di The Sims) o per Gabe Newell (padrino di Valve e Half-Life).

Amanda Berry OBE [Order of British Empire, n. d. r.], direttrice esecutiva dei BAFTA, ha commentato così questa assegnazione per il mondo dei videogiochi:

Sono molto felice di dare riconoscimento alla memorabile carriera di Hideo Kojima con la Fellowship del BAFTA, il più grande premio concesso dall'Academy, nel corso della serata dei BAFTA Games Awards del 2 aprile. Kojima è il pionieristico autore di numerosi videogiochi ed è rispettato in tutto il mondo per i suoi lavori innovativi.

Il commento di Hideo Kojima

Il game designer, a capo della nuova Kojima Productions dopo l'addio a Konami consumato nel 2015, ha ringraziato il BAFTA e non solo, in un messaggio ufficiale:

Vi ringrazio tantissimo per la preziosa Fellowship. Sono davvero onorato, e mi piacerebbe poter approfittare di questo momento per riflettere sui tanti predecessori che hanno ottenuto questo riconoscimento, poiché rispetto profondamente ciò che hanno dato all'intrattenimento, che sia stato attraverso film, televisione o videogiochi.

Vorrei anche cogliere l'occasione per ringraziare coloro che mi hanno supportato in tutti questi anni, con la promessa che continuerò a creare nuovi e innovativi metodi che possano portare al suo prossimo livello il mondo del gioco e dell'intrattenimento.

Uno screenshot dal videogioco Death StrandingHDKojima Productions
Norman Reedus (Sam Porter Bridges) e Lea Seydoux (Fragile) in una scena di Death Stranding

Game director, game designer, regista e sceneggiatore, Hideo Kojima vide nel 1987 l'esordio del primo Metal Gear, raggiungendo la fama mondiale nel 1998, con l'uscita di Metal Gear Solid – primo episodio tridimensionale della saga, celebre per il suo approccio cinematografico alla narrativa. Nel 2019 il suo nuovo studio ha visto il debutto su PlayStation 4 di Death Stranding, peculiare videogioco post-apocalittico che, chiedendo al giocatore di trasportare merci in quel che resta degli Stati Uniti, parla dell'importanza del non isolarsi, con un cast composto, tra gli altri, da Norman Reedus, Mads Mikkelsen, Lindsay Wagner, Margaret Qualley e Lea Seydoux. Lo stesso gioco è atteso per quest'anno su PC.

La Fellowship del BAFTA, istituita nel 1971, premia individui che abbiano dato un contributo ritenuto eccezionale al mondo del cinema, della televisione o del videogioco. A essere premiata insieme a Hideo Kojima, per il 2020, è Kathleen Kennedy, presidente di Lucasfilm. Lo scorso anno il riconoscimento andò a Joan Bakewell, giornalista televisivo, e a Thelma Schoonmaker, montatrice di film che da oltre cinquant'anni affianca Martin Scorsese nei suoi lavori.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.