FoxCrime

Cos'è successo ai César Awards con Roman Polanski? La vittoria e le reazioni

di - | aggiornato

La vittoria de L'ufficiale e la spia ai César Awards in 3 categorie, compresa quella per il Miglior regista a Roman Polanski, ha scatenato veementi reazioni e ha lasciato una lunga coda polemica al premio.

Un dettaglio dal poster de L'ufficiale e la spia 01 Distribution

0 commenti

Condividi

La controversa 45esima edizione dei César Awards si è chiusa con una accesa polemica. Dopo che il consiglio di amministrazione del premio si è dimesso in toto in seguito alle critiche per le 12 nomination a L'ufficiale e la spia di Roman Polanski, l'Académie des arts et techniques du cinéma è finita di nuovo nell'occhio del ciclone per i 3 riconoscimenti assegnati al film del regista accusato di stupro negli USA e di altri episodi di violenza.

Come scrivono CNN e BBC, quando la filmmaker Claire Denis ha annunciato la vittoria di Polanski come Miglior regista, l'attrice Adèle Haenel ha lasciato la sala esclamando: "Vergogna!" (potete vedere la sua reazione nel video qui sotto). Lo scorso anno, la protagonista di Ritratto della giovane in fiamme ha rivelato di essere stata vittima di abusi sessuali quando era poco più di una bambina da parte del filmmaker Christophe Ruggia.

Dopo di lei, anche la regista Céline Sciamma ha abbandonato la cerimonia. E la presentatrice della serata, Florence Foresti, non è tornata sul palco. In seguito ha aggiornato le sue storie su Instagram con una schermata nera e la scritta "Vergogna".

Alla protesta in sala è andata di pari passo una fuori la Salle Pleyel, organizzata dal movimento Osez le Féminisme. I manifestanti hanno cercato di fare irruzione alla cerimonia di premiazione, ma sono stati respinti dalla polizia. Come riporta The Guardian, un'attivista del gruppo, Ursula Le Menn, ha usato parole molto dure contro i César Awards e Roman Polanski:

L'empatia mostrata [dal cinema francese, n.d.r.] è una facciata. Non c'è alcun reale cambiamento di mentalità. Polanski si è presentato come una vittima, al pari di Dreyfus, e ha usato il suo film per difendersi. Per le donne che hanno avuto il coraggio di denunciare l'abuso subito, è un dolore enorme vedere premiato quest'uomo.

Le Menn ha sottolineato l'ipocrisia del sistema:

Chiediamo alle vittime di farsi avanti e parlare, quando non solo non ci sono conseguenze per i loro aggressori, ma a quegli stessi aggressori vengono attribuiti dei riconoscimenti.

Un'altra condanna è arrivata dal giornalista francese Alexis Poulin, che ha definito il premio a Polanski come il riconoscimento del suo essere intoccabile:

Molte persone, in Francia, sono disgustate. Quello che è successo è sbagliato e lo dico da sempre. Penso che non sia giusto che Polanski riceva tutti questi onori. [Il César Award, n.d.r.] lo protegge. Dice che non puoi raggiungerlo e che l'élite cinematografica francese resterà unita. È come se il cinema fosse una organizzazione criminale e lui il padrino. Dice alle vittime: 'Non vogliamo ascoltarvi. Non siete nulla. Non vi crediamo'. 

Poulin ha concluso scagliandosi senza mezzi termini contro la posizione del suo paese nei confronti del regista:

Polanski è fuggito [dagli USA, n.d.r.] e ha trovato rifugio in Francia. In Francia accettiamo gli stupratori in fuga perché sono artisti. È un problema della società francese.

Anche il collettivo NousToutes ha reagito alla vittoria di Roman Polanski con una dura dichiarazione:

Una vergogna. Con la premiazione del regista de L'ufficiale e la spia, i César Awards hanno letteralmente sputato in faccia alle vittime di pedofilia e di violenza sessuale e più in generale ai milioni di donne di questo paese.

La vicenda ha coinvolto pure la politica. Poco prima della cerimonia, il Ministro della Cultura, Franck Riester, ha sottolineato la necessità di separare l'opera dall'artista. Tuttavia, ha anche dichiarato che se eventuali premi al film in quanto produzione collettiva sarebbero stati accettabili, un riconoscimento ad personam a Polanski avrebbe "inviato un messaggio negativo".

Invece, come ricorda BBC, il Ministro per l'Uguglianza, Marlène Schiappa, aveva condannato senza appello le 12 nomination de L'ufficiale e la spia:

È impossibile che una sala si alzi e applauda un uomo accusato più volte di stupro.

Ma come riporta CNN, c'è anche chi ha ha parlato in difesa del regista. Per esempio, Fanny Ardant, vincitrice del César come Migliore attrice non protagonista per La belle époque:

Quando amo qualcuno, lo amo appassionatamente. E amo Polanski moltissimo. Per questa ragione, sono molto felice per lui. Capisco che non tutti siano d'accordo, ma viva la libertà.

E Brigitte Bardot, che ha affidato il suo endorsement a Twitter:

Per fortuna, Polanski esiste e sta salvando il cinema dalla mediocrità. Io lo giudico per il suo talento e non per la sua vita privata. Mi dispiace di non avere mai lavorato con lui.

Da parte sua, per il momento, Roman Polanski ha scelto il silenzio. A oggi, il regista ha parlato per l'ultima volta per annunciare che non avrebbe preso parte alla premiazione:

[Non ho intenzione di, n.d.r.] affrontare un'auto-proclamata corte pronta a calpestare il diritto legale, in modo che il pensiero irrazionale possa trionfare ancora una volta incontrastato. Sappiamo già come si svolgerà la serata. Gli attivisti mi minacciano di linciaggio pubblico.

Alla fine, L'ufficiale e la spia ha portato a casa 3 premi dai César Awards. Oltre a quello per il Miglior regista, ha trionfato anche nelle categorie Migliore adattamento e Migliori costumi. E più in generale, ha ottenuto un buon riscontro di pubblico e critica, aggiudicandosi anche il Gran Premio della Giuria a Venezia 76.

Tuttavia, come ricorda BBC, il successo è andato di pari passo con le polemiche su Roman Polanski. A novembre, il regista polacco naturalizzato francese è stato accusato di una nuova violenza dall'ex attrice Valentine Monnier, che ha dichiarato che il filmmaker l'ha aggredita e stuprata "in maniera estremamente violenta" quando aveva 18 anni. La donna ha affermato che a spingerla a parlare è stata proprio l'ultima opera di Polanski, L'ufficiale e la spia.

Senza dubbio, la dichiarazione di Valentine Monnier ha gettato benzina sul fuoco di una vicenda da sempre controversa e ha contribuito ad alimentare la polemica dei César Awards. D'altra parte, non è la prima volta che gli "Oscar di Francia" si trovano a dover gestire un "affaire Polanski". Nel 2017, il filmmaker era stato nominato Presidente della Giuria, ma ha dovuto rinunciare al ruolo per la veemente ondata di proteste.

Quali saranno i nuovi sviluppi? Per saperlo, non resta che aspettare. Restate sintonizzati per conoscere tutti gli aggiornamenti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.