Middlewest, il nuovo fumetto di Skottie Young tra Miyazaki e il Mago di Oz

di -

Skottie Young, coadiuvato ai disegni da Jorge Corona, torna in libreria con Middlewest, un racconto di formazione a fumetti che guarda a Miyazaki e al Mago di Oz.

Il protagonista di Middlewest BAO Publishing

0 commenti

Condividi

Per Abel la vita non è semplice. Sveglia all'alba per consegnare i giornali al vicinato e raccimulare qualche soldo; un gruppo di amici che, pur senza cattiveria, finiscono per metterlo costantemente nei guai; un padre violento e rancoroso ad aspettarlo a casa, convinto che il figlio sia la causa per cui sua moglie se ne è andata.

Nonostante tutto questo, Abel continua a tirare dritto per la sua strada senza farsi scoraggiare, supportato nei momenti difficili da una volpe parlante, compagna d'avventure e di profonde riflessioni.

Dopo l'ennesima discussione col padre, però, le vicende precipitano, prendendo una piega inaspettata e terrificante. Da tempo qualcosa di oscuro viveva nel corpo dell'uomo e quel qualcosa adesso sembra aver posseduto anche Abel, marchiandolo sia fisicamente che psicologicamente.

Inizia così per il ragazzo e la sua amica volpe un lungo viaggio alla ricerca di una cura, un'avventura che porterà i due a venire a patti con i propri demoni e a confrontarsi con un mondo magico e rurale abitato da creature senza scrupoli ma anche da figure buone e gentili.

Una tavola tratta da Middlewest 1HDBAO Publishing

È questo l'incipit di Middlewest, nuova serie a fumetti firmata da Skottie Young, celebre illustratore Marvel e DC (sue le innumerevoli cover con i personaggi in versione baby) nonché autore completo della spassosissima saga fantasy Odio Favolandia.

Di questo suo ultimo ambizioso progetto, che vede alle matite l'artista venezuelano Jorge Corona, Young me ne aveva parlato durante l'edizione 2018 di Lucca Comics & Games, quando ancora non era uscito il primo albo negli USA:

Middlewest è la storia di un padre e di un figlio. Il loro è un rapporto turbolento, che viene alterato quando un grosso cambiamento costringe i due a separarsi e porta il giovane Abel a intraprendere un lungo viaggio, scappando da mostri e tentando di non diventare a sua volta un mostro. È un progetto che ricorda molto i lavori di Hayao Miyazaki, nonostante abbia anche una forte componente realistica. Sono estremamente fiero di come sta venendo fuori.

Leggendo i sei capitoli contenuti nel primo volume, edito da BAO Publishing e disponibile in libreria dal 5 marzo, è innegabile come le pellicole dello Studio Ghibli abbiano influenzato i due autori tanto nella creazione della storia quanto nella realizzazione grafica delle ambientazioni. Ma questi echi, similmente a quelli al Mago di Oz, ai film d'animazione di Don Bluth o ai lungometraggi di Jim Henson, sono soltanto una cornice di fondo su cui è imbastita una vicenda sfaccettata e dalle tematiche complesse.

Middlewest, difatti, gioca con questi elementi per dare vita a un vero e proprio racconto di formazione, un percorso che guiderà il giovane Abel dall'adolescenza a quell'età adulta a cui lui, erroneamente, afferma già di appartenere.

Abel e Volpe in una tavola da Middlewest 1HDBAO Publishing

Questo primo volume prone ai lettori il setting della storia, introducendo i personaggi principali e iniziando lentamente a svelare le caratteristiche di Middlewest, un mondo non dissimile dal nostro caratterizzato però dalla presenza della magia e da una visione della tecnologia molto vicina a quella dei romanzi steampunk.

Nonostante alcune scelte narrative alquanto derivate e non originalissime, la scrittura di Skottie Young è solida e convincente. Allo scrittore va soprattutto riconosciuto il merito di riuscire a trattare in modo delicato ma senza pietismo concetti quali la morte, l'abbandono, l'abuso familiare e il disturbo da stress post-traumatico, centrali all'interno dell'opera.

Le tavole di Jorge Corona si adattano perfettamente all'approccio narrativo di Young, offrendo il giusto mix di realismo e cartoon utile a raccontare una storia in cui sono presenti personaggi umani, animali parlanti, troll e robot. Nonostante sia graffiato e spigoloso, il suo tratto è estremamente dinamico e ricco di dettagli, regalando in più di una occasione scene dal grande impatto visivo.

Infine, buona parte del merito della riuscita di Middlewest è da attribuirsi anche all'operato di Jean-Francois Beaulieu, i cui colori brillanti infondono ai disegni di Corona il tono da favola moderna di cui una serie a fumetti come questa necessita.

La copertina del primo volume di MiddlewestBAO Publishing

L'appuntamento in libreria e fumetteria con il primo volume di Middlewest (160 pagine a colori, cartonato, 18 euro) è fissato per giovedì 5 marzo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.