Arnold Schwarzenegger fa causa all'azienda russa che ha creato il 'suo' robot

di - | aggiornato

Promobot, un'azienda di robotica russa, è stata denunciata da Schwarzy per aver creato un robot con le fattezze del protagonista di Terminator.

Un'immagine di Schwarzenegger in Terminator: Genisys Skydance Productions

0 commenti

Condividi

L'attore Arnold Schwarzenegger ha intentato una causa contro Promobot, un'azienda di robotica con sede in Russia. Il motivo? L'aver dato alla luce, senza alcuna autorizzazione, una sorta di robot raffigurante una sorta di Terminator con il volto dell'ex Mister Olympia.

L'androide, chiamato Robo-C, è munito di riconoscimento vocale e di un tablet per il sistema di controllo. La testa, in particolare, è in tutto e per tutto simile a quella del celebre Schwarzy. Poco sotto, il filmato diffuso via Twitter da Marc Saltzman (via Gizmodo), assieme a un secondo filmato pubblicato da Digital Trends:

L'azienda di robotica ha presentato la sua creazione al Consumer Electronics Show 2020 di Las Vegas. La rivista Input ha inoltre reso noto che Promobot ha deciso di mettere in vendita il robot al prezzo (non proprio accessibile a tutti) di 25mila dollari.

Schwarzenegger non avrebbe quindi apprezzato per nulla la mossa dell'azienda russa, tanto che l'avvocato Martin Singer ha intentato una causa contro Promobot chiedendo un risarcimento danni di circa 10 milioni di dollari. L'interprete di Conan non avrebbe mai concesso all'azienda i diritti per riprodurre le sue fattezze, visto e considerato che la richiesta iniziale per lo sfruttamento della sua immagine era fissata a 30 milioni di dollari.

Ecco parte della nota legale ufficiale:

In una situazione come questa, in cui è stato sfruttato il volto di una delle maggiori star del cinema a livello mondiale, per di più senza autorizzazione e a sua insaputa, i danni richiesti in fase di processo aumenteranno in modo esponenziale.

Promobot avrebbe in principio accettato di interrompere la campagna promozionale dell robot della linea Robo-C, per poi presentarlo senza alcuna autorizzazione a vari eventi sul territorio mondiale (tra cui l'American International Toy Fair di New York). Staremo a vedere se, come probabile, Schwarzy incasserà una vittoria in tribunale (magari non prima di avere esclamato il suo classico "hasta la vista, baby").

Ricordiamo che Schwarzenegger è ancora piuttosto attivo sul grande schermo: a fine 2019 è stato protagonista del film Terminator: Destino Oscuro, terzo capitolo ufficiale della saga creata da James Cameron. L'attore è anche nel cast di The Iron Mask, un fantasy d'azione in cui recita accanto a Jackie Chan. Il film è uscito in diversi paesi nel 2019 (pur essendo ancora inedito in Italia).

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.