Chiara Ferragni tenta di sensibilizzare sul Coronavirus (tra le polemiche social)

di - | aggiornato

In queste ore di emergenza e grande apprensione, Chiara Ferragni sta cercando di sensibilizzare quanto più possibile l'opinione pubblica circa il Coronavirus. Purtroppo, anche in questo caso, non mancano le polemiche.

0 commenti

Condividi

Sono giorni di ansia e preoccupazione in Italia a causa dell'emergenza Coronavirus che sta mettendo a dura prova il sistema sanitario nazionale e imponendo a noi tutti rinunce e modifiche importanti relative alle abitudini e allo stile di vita che siamo soliti condurre.

Quello del Covid-19 è un allarme che è stato lanciato da svariate settimane ma che, probabilmente, è stato preso da buona parte della cittadinanza italiana (e non solo) con troppa leggerezza. Per questo, l'imprenditrice digitale Chiara Ferragni ha deciso di impegnarsi attivamente sui social per sensibilizzare l'opinione pubblica in merito, invitando tutti a seguire le norme del nuovo decreto #IoRestoaCasa.

Proprio in queste ultime ore, la Ferragni si è mostrata su Instagram con una mascherina e ha voluto rivolgere un appello non solo agli italiani, ma anche ai suoi tantissimi follower stranieri. Secondo l'influencer, infatti, specialmente negli Stati Uniti la pandemia di Coronavirus - che è ormai stata dichiarata dall'OMS - è ancora trattata con troppa superficialità.

View this post on Instagram

This is to fully explain the situation to all my foreigner followers (70% of my 18.7 millions) who clearly don’t understand the situation here in Italy at the moment: IT IS BAD. We have more than 10.000 cases, more than 600 deaths and more than 5000 people at the hospitals with bad conditions. The hospitals are not ready for all these cases and doctors and nurses are doing all they can to help as many as possible but if the number of sick doesn’t slow down they’ll have to start choosing patients based on how young and likely to survive they are. @fedez and I started a crowdfunding on Monday to help a hospital in Milan and it got over 3.6 millions € in offers and so many other people started collecting for other hospitals but there is still a lot that has to be done. The State decided to LOCK ALL OF THE ITALIANS inside their houses til April 3rd to prevent the virus to spread even more and to avoid the whole system and hospitals to collapse. We’re all living in quarantene right now, like some cities in China have done this past month. So please, start the awareness and understand that this is not a common flu and it’s way more dangerous for all of us: STAY IN as much as possible in this critical time. And If you can, help telling others to be careful and help Italy with its hospitals 🙏🏻

A post shared by Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni) on

"Questo per spiegare al meglio la situazione a tutti i miei seguaci stranieri (il 70% dei miei 18,7 milioni) che al momento non capiscono chiaramente la situazione qui in Italia: È IL MALE", scrive la Ferragni.

Abbiamo più di 10mila casi, più di 600 morti e più di 5mila persone negli ospedali in cattive condizioni. Gli ospedali non sono pronti per tutti questi casi e medici e infermieri stanno facendo tutto il possibile per aiutare il maggior numero possibile di persone, ma se il numero di malati non rallenta, dovranno iniziare a scegliere i pazienti in base a quanto sono giovani e possono sopravvivere.

L'imprenditrice digitale ha spiegato in modo molto chiaro le ultime disposizioni del Governo: "Lo Stato ha deciso di BLOCCARE TUTTI GLI ITALIANI nelle loro case fino al 3 aprile per impedire che il virus si diffonda ancora di più e per evitare il collasso dell'intero sistema e degli ospedali. Viviamo tutti in quarantena in questo momento, come alcune città cinesi hanno fatto lo scorso mese".

Quindi, per favore, prendete consapevolezza: questa non è un'influenza comune ed è molto più pericolosa per tutti noi. RESTATE a casa il più possibile e se potete aiutatemi a diffondere il messaggio e ad aiutare gli ospedali italiani.

L'impegno di Chiara Ferragni è concreto e proficuo. Con il marito Fedez, ha lanciato alcuni giorni fa una raccolta fondi aperta a tutti per rafforzare la terapia intensiva dell'Ospedale San Raffaele di Milano, raggiungendo quasi i 4 milioni di euro. I follower hanno elogiato la dedizione dell'imprenditrice, che è una delle pochissime influencer che sta realmente facendo qualcosa per sensibilizzare il popolo del web circa questa emergenza. 

Purtroppo, però, anche in questo caso non mancano le polemiche. 

In particolar modo, molti utenti si sono indignati per la foto con mascherina della Ferragni. I dispositivi sanitari di questo tipo sono ormai irreperibili e le critiche sui social sono state impietose. C'è stato chi, perfino, ha accusato Chiara Ferragni di spettacolarizzare l'emergenza Coronavirus per i suoi selfie.

Nelle sue Instagram Stories, Chiara Ferragni ha risposto a tono a tutte le critiche ricevute, sottolineando inoltre che sarebbe opportuno che tutti gli influencer del mondo, a partire dalle star del web statunitensi, utilizzassero la loro voce per fronteggiare questa situazione.

La situazione legata al Coronavirus è molto grave in Italia e in Europa al momento. E se gli USA non faranno niente e ignoreranno il problema si ritroveranno ad avere problemi ancora più grandi. Informatevi, leggete i numeri e le statistiche, cosa dicono i dottori.

E ancora:

Sarebbe bello se tutti gli influencer stranieri che sono stati recentemente in Italia - come per esempio alla Milano Fashion Week - diffondessero notizie e aiutassero i nostri ospedali.

Che ne pensate dell'impegno profuso da Chiara Ferragni in questa situazione di emergenza?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.