Harvey Weinstein condannato a 23 anni: il malore dell'ex produttore e le reazioni

di - | aggiornato

Harvey Weinstein è stato condannato a 23 anni. L'uomo ha accusato un malore, mentre si moltiplicavano le reazioni alla condanna. Ma la giustizia non si ferma e si profila un nuovo processo a Los Angeles.

0 commenti

Condividi

Alla fine, la sentenza più attesa è arrivata. Dopo essere stato riconosciuto colpevole di aggressione sessuale di primo grado e stupro di terzo grado, Harvey Weinstein è stato condannato a 23 anni di carcere e sarà registrato come molestatore sessuale.

Come scrivono Deadline e Variety, il verdetto è stato letto dal giudice della Corte Suprema di New York, James Burke, e ad ascoltare sedute in prima fila c'erano le accusatrici dell'ex produttore, Jessica Mann, Miriam "Mimi" Haley, Annabella Sciorra, Tarale Wulff, Lauren Young e Dawn Dunning.

Prima della sentenza, il procuratore capo Joan Illuzzi ha pronunciato una lunga, dura e dolorosa requisitoria e ha chiesto per l'ex boss di Miramax il massimo della pena (29 anni). Poi, Jessica Mann e Miriam Haley hanno rilasciato due dichiarazioni sulle ripercussioni che ha avuto su di loro la violenza di cui sono state vittime.

Mann ha raccontato del senso di impotenza che ha provato durante l'aggressione, ha ricordato le minacce fisiche di Weinstein contro suo padre anziano e malato e ha parlato della protezione di cui ha goduto a lungo l'ex produttore per la sua posizione a Hollywood:

Il mio stupro poteva essere evitato. 

Haley si è soffermata sul comportamento volgare e aggressivo dell'ex boss di Miramax e ha dichiarato che la violenza l'ha segnata "mentalmente ed emotivamente, forse per sempre". Poi ha esortato il giudice Burke ad avere con lui la massima severità:

Ci sono donne, là fuori, che sono più sicure perché lui non è più in giro.

Dopo le due donne, ha preso la parola lo stesso Weinstein. L'uomo ha dichiarato in maniera poco convincente di provare "profondo rimorso", poi ha pronunciato un discorso lungo e sconclusionato:

Sono del tutto confuso. Penso che tutti gli uomini siano confusi su quello che sta accadendo. Migliaia di uomini e donne che devono rinunciare a un giusto processo. Sono preoccupato per questp paese. Questa che c'è negli Stati Uniti d'America non è una bella atmosfera.

L'ex produttore ha parlato dei suoi amici e sostenitori e della paura che avevano a testimoniare per la paura di perdere il lavoro. Ha fatto riferimento alle numerose opere di beneficenza che ha svolto negli anni. Ha dichiarato che pensava di avere una "amicizia importante" con Mann e Haley e ha paragonato il MeToo alla caccia alle streghe che ha coinvolto i comunisti a Hollywood negli anni '50. Inoltre, ha minimizzato il suo status e il suo potere e ha negato di avere stilato una lista nera.

Poi ha detto che le tre figlie adulte non vogliono più avere a che fare con lui e ha espresso la preoccupazione di non poter più rivedere i figli piccoli.

A loro volta, gli avvocati di Weinstein, Arthur Aidala e Donna Rotunno, avevano fatto appello alle opere di beneficenza del loro assistito, al fatto che non avesse precedenti e alle grandi e significative imprese compiute in vita per chiedere una sentenza mite. I legali avevano anche sottolineato l'età dell'ex produttore e il suo cattivo stato di salute. E avevano concluso con un duro attacco all'intero processo:

Non ha rappresentato in modo imparziale chi è [Harvey Weinstein, n.d.r.] come persona.

Harvey Weinstein ha lasciato l'aula subito dopo la lettura del verdetto ed è stato riportato in cella nel carcere di Rikers Island. Ma come riporta Deadline, poche ore dopo è stato trasferito al Bellevue Hospital di New York a causa di dolori al petto. La notizia è stata data da un portavoce dell'ex produttore:

Il signor Weinstein è stato portato al Bellevue Hospital per cure legate ai suoi problemi di cuore e per dolori che ha accusato al petto. Inoltre, sarà valutata una complicazione correlata all'intervento alla schiena. [...] Speriamo che sarà trattenuto in osservazione durante la notte, in considerazione dei suoi problemi di salute e del fatto che la settimana scorsa ha subito una procedura cardiaca.

La condanna dell'ex produttore ha dato seguito a numerose reazioni e commenti

Reese Witherspoon ha espresso grande soddisfazione e ha ringraziato i giornalisti che hanno continuato a raccontare i fatti, nonostante le minacce e tentativi di screditamento:

La sentenza rinnova la mia fiducia nel sistema giudiziario USA e nel fatto che vengano celebrati processi equi, le vittime siano credute e la giustizia faccia il suo corso.

Anche Rosanna Arquette ha espresso gratitudine ai media e ha elogiato il coraggio delle donne che si sono fatte avanti e hanno denunciato Weinstein:

La mia gratitudine va a tutti coloro che hanno rotto il silenzio, in modo speciale a Rose McGowan e alle vittime di Weinstein, alle donne che hanno testimoniato e all'incredibile lavoro investigativo di Ronan Farrow, che ha portato alla luce il complotto, a David Remnick, a Rich McKuen e al New York Times.

Mira Sorvino ha reagito con profonda emozione:

23 anni. Harvey Weinstein è stato condannato a 23 anni per i crimini di stupro e aggressione sessuale. Ho pianto lacrime di stupore e gratitudine perché il sistema giustiziario ha funzionato e ha reso giustizia a tutte le sue vittime.

Da parte sua, Ronan Farrow, ha sottolineato il grande valore e la forza della libertà di stampa:

La sentenza Weinstein ci ricorda l'importanza delle fonti e dei responsabili delle testate giornalistiche che si sono rifiutati di mettere a tacere la notizia. Compresi i giornalisti del New Yorker, che hanno pubblicato le prime accuse di stupro e aggressione nei confronti di Weinstein. In una lettera ai giudici di questa settimana, gli avvocati dell'ex produttore hanno dichiarato che i media hanno distrutto la vita del loro assistito. In effetti, hanno portato alla luce una montagna di prove che hanno contribuito a dimostrare l'accaduto. Spero che tutto ciò incoraggi più persone a parlare e permetta di portare alla luce più storie difficili.

Sulla sentenza è intervenuto in modo lapidario anche Jim Carrey. Per esprimere i suoi sentimenti, l'attore ha condiviso un ritratto di Weinstein con la scritta "1952 - 2020":

Cosa accadrà adesso? Come scrive Deadline, Harvey Weinstein ricorrerà in appello. Tuttavia, è probabile che il nuovo processo non si svolgerà prima di luglio. Ma non saranno mesi di calma (apparente).

Subito dopo la lettura del verdetto a New York, il procuratore distrettuale di Los Angeles, Jackie Lacey, ha dichiarato in conferenza stampa di avere iniziato la procedura per la estradizione in California dell'ex produttore. L'obiettivo è di portare l'uomo in tribunale anche sulla Costa Ovest, dove sull'ex boss di Miramax pendono 4 accuse di stupro e aggressione sessuale.

La situazione è in continua evoluzione. Restate sintonizzati per gli aggiornamenti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.