Assalto alla carta igienica negli USA (e non solo), volano le vendite di bidet

di - | aggiornato

Consumatori arrivano alle mani per accaparrarsi l'ultima confezione in alcuni video che ci arrivano da Australia e Stati Uniti.

0 commenti

Condividi

La pandemia da nuovo coronavirus ha ovviamente avuto effetti negativi sui cittadini. In molti, preoccupati di restare senza provviste, si sono accalcati nei supermercati e nei negozi per fare scorte di cibo, acqua e beni di prima necessità. In poco tempo, quindi, vari punti vendita degli Stati Uniti e Australia sono momentaneamente rimasti a corto di carta igienica, mentre altri - come Costco - hanno deciso di limitare il numero di confezioni che i consumatori possono acquistare. 

Nel "paese dei canguri" c'è addirittura chi è arrivato alle mani pur di accaparrarsi l'ultimo pacco di carta igienica.

Un comportamento incomprensibile, oltre che ingiustificato: gli australiani stanno accumulando scorte nonostante non vi sia alcuna minaccia di esaurimento, poiché il 60% della carta igienica del paese viene prodotta localmente. Allora perché tutti vanno nel panico?

Il dott. Paul Harrison, esperto di comportamento umano presso la Deakin University, ha cercato di dare risposta e trovare un senso a tutto ciò. Parlando a news.com.au, ha dichiarato:

La ricerca mostra che nelle culture capitaliste, come l'Australia, i problemi si affrontano acquistando cose.

Su Twitter, un utente cita King of the Hill, sitcom animata creata da Mike Judge e Greg Daniels nel 1997, per descrivere il momento di crisi:

Sebbene molte persone siano in preda all'ansia, altre hanno sottolineato di poter sopravvivere benissimo senza carta igienica acquistando un bidet. L'apparecchio sanitario utilizzato per l'igiene intima è comune in Italia, ma non è uno standard per Stati Uniti e altri Paesi. Data la situazione, tuttavia, pare siano in molti coloro che lo stanno acquistando: la startup Tushy, per esempio, ha registrato un considerevole aumento delle vendite dei bidet da quando la carta igienica ha iniziato a scarseggiare. Secondo quanto riferito dall'azienda, le vendite sarebbero triplicate la scorsa settimana e "non mostrerebbero segni di rallentamento". Jason Ojalvo, CEO di Tushy, ha dichiarato:

Stiamo leggendo molti articoli sull'esaurimento della carta igienica e, nei commenti, le persone consigliano di acquistare il bidet.

Proprio come la carta igienica di grandi marchi, tipo Charmin e Cottonelle, anche le piccole startup hanno visto aumentare la domanda. Who Gives A Crap, che produce carta igienica ecologica, ha affermato che le sue vendite sarebbero cresciute di 20 volte in Australia. A riportarlo il co-fondatore Danny Alexander in un'intervista a Crunchbase News, in cui parla dell'esaurimento scorte nel paese:

Non abbiamo praticamente avuto il tempo di reagire. Quando abbiamo raggiunto il numero massimo di vendite possibili, abbiamo dovuto interromperle. In qualità di azienda che produce qualcosa di cui tutti hanno bisogno, cerchiamo di non esaurire mai le scorte.

L'azienda ha deciso di sospendere le vendite a persone che non hanno un abbonamento, ma continua a distribuire carta igienica ai suoi sottoscritti.

Via: Crunchbase News, Reddit

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.