FOX

Lady Gaga, umana e cyborg per Paper Magazine: le foto [NSFW]

di - | aggiornato

Lady Gaga promuove il suo album Chromatica con un photoshoot per Paper Magazine.

0 commenti

Condividi

Lady Gaga ha posato per l'ultimo numero di Paper Magazine in occasione dell'uscita del suo sesto album, Chromatica.

Dietro la macchina fotografica, l'artista belga Frederik Heyman, che ha realizzato un servizio immaginando un futuro iper tecnologico in cui Gaga appare in versione ibrida, un cyborg solo in parte umano.

Per il photoshoot, Heyman ha usato uno scan in 3D così da ricreare in computer grafica il corpo della cantante. Ha generato un avatar della Germanotta e l'ha inserito in diversi ambienti digitali.

Il tema del photoshoot si collega in qualche modo a quello dell'album Chromatica, in uscita il 10 aprile, perché, a detta della stessa Gaga, entrambi "vogliono celebrare la totalità delle cose".

L'artista ha spiegato che l'idea alla base del disco è che: "Nulla sia più o meno importante del resto".

Il tema del servizio fotografico non è, quindi, come potrebbe apparire a un primo, distratto sguardo, semplicemente il futuro. Lady Gaga ci ha tenuto a precisarlo.

Non mi piace che il tema sia il futurismo fine a sé stesso.

Così il senso del progetto fotografico si traduce nella domanda: "Una mia versione robotica è migliore della me umana?"

Sono stata ossessionata col ritiro per tanto tempo. Mi chiedevo cosa mi aspettassi dal domani e poi mi sono guardata indietro e ho rivisto la mia vita. Ho tirato fuori dal mio bagaglio tutto ciò che ho imparato e che mi ha aiutata, così come ciò che mi ha ferita e che mi ha insegnato anche di più.

Ora il passato influenza il suo lavoro con una nuova consapevolezza:

Viviamo già nel futuro. Il nostro presente è ciò che ci rende potenti.

Chromatica si presenta come un progetto ambizioso.

Il video di Stupid Love, il singolo tratto dall'album, ne è la prova.

Le riprese sono durate due giorni e avvenute ne deserto della California. Cinquanta ballerini hanno danzato dalle otto alle dieci ore di fila per prepararsi alle riprese. Per Gaga è stata un'esperienza unica, in cui la selvaggia natura e la tecnologia hanno giocato una battaglia alla pari.

Il coreografo Richard Jackson, che ha lavorato con la cantante già per i video di Telephone e Applause, ha avuto l'arduo compito di creare una danza che andasse avanti per tutta la durata della canzone senza alcuna interruzione.

View this post on Instagram

Self quarantining but make it high ART.

A post shared by Paper Magazine (@papermagazine) on

Neanche la fase di registrazione dell'album è stata semplice. Gaga ha raccontato di avere passato momenti difficili in studio, durante i quali si sentiva triste o affrontava fasi depressive. È qualcosa con cui combatte giornalmente, da che, a diciannove anni, ha subito abusi e violenze, arrivando a farsi del male da sola.

La svolta, è arrivata nel 2013, quando ha deciso di prendersi cura di sé e cercare aiuto da uno specialista. Tutt'ora soffre di fibromialgia, che le causa forti dolori in tutto il corpo in risposta al trauma passato.

Gaga ha rivelato a Paper Magazine di aver scelto di non farsi divorare dal dolore. Chromatica è anche questo: una riflessione su quella che chiama accettazione radicale, è "una danza che attraversa il dolore". Ciò non significa che si tratti di un album triste. "Sentirete il dolore nella mia voce e nelle parole", ma l'album è una celebrazione della vita, che promette di far ballare chiunque lo ascolti.

Ogni suo album racconta una parte della vita di Gaga, e Chromatica sembra quasi voler rappresentare una rinascita della cantante, con tante novità. Tra esse, qualche collaborazione con alcune colleghe. Già si vocifera di un duetto con Ariana Grande.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.