Il creatore di One Piece manda un messaggio di solidarietà per il Corona Virus

di - | aggiornato

Anche il famoso autore giapponese pensa al problema ormai mondiale legato alla diffusione del Corona Virus.

One Piece ciurma Shueisha/Eiichiro Oda

0 commenti

Condividi

Purtroppo in questo periodo il Corona Virus sta diventando sempre più un problema che riguarda tutto il mondo, sempre più paesi stanno adattando misure di sicurezza forti come è già successo in Italia per tentare di arginare la diffusione del contagio. Questa pandemia ormai tocca tutti e tra le persone che hanno voluto lasciare un messaggio di solidarietà riguardo la situazione c’è anche Eiichiro Oda, il mangaka autore di One Piece.

Nell’ultimo capitolo del famoso manga, pubblicato come di consueto su Weekly Shonen Jump in Giappone, l’autore ha voluto mandare un messaggio al suo pubblico riguardo la situazione attuale.

È molto difficile parlare di qualsiasi cosa con il mondo in questo stato. Prego per tutti dal profondo del mio cuore.

Così l’autore ha voluto dimostrare la sua preoccupazione per la situazione mondiale. Nonostante questo il mangaka, sempre ligio al dovere, continua a disegnare il suo manga, che proprio in questo momento è uscito da un lungo flashback e si prepara a mettere in scena uno degli scontri più importanti mai apparso nel manga, attualmente in piena saga del Paese di Wa.

One Piece Rufy Law KidShueisha/Eiichiro Oda

Nel frattempo in Giappone Shonen Jump ha aperto la sua libreria digitale tramite la sua app, rendendo disponibile l’intera serie di One Piece al pubblico, così da alleviare la noia da quarantena. Un’iniziativa che pian piano sta diventando sempre più diffusa e con alcuni esempi simili avvenuti anche nel nostro paese.

Attualmente in Giappone sono stati superati i mille casi di contagio, e diverse aziende hanno iniziato a limitare gli spostamenti dei propri dipendenti chiudendo anche alcuni reparti. Proprio oggi inoltre è giunta la notizia che, per motivi di sicurezza, le Olimpiadi di Tokyo previste per quest’estate saranno rimandate al 2021.

Fonte: Comicbook

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.