Westworld 3 e il crossover con Game of Thrones: c'è un parco dedicato alla serie?

di - | aggiornato

I creatori di Game of Thrones sono apparsi in un cameo nel secondo episodio di Westworld 3!

David Benioff, D.B. Weiss e Drogon in Westworld HBO

0 commenti

Condividi

Da Westeros a Westworld il passo è breve, soprattutto se si abita in casa HBO.

Nel secondo episodio della terza stagione, The Winter Line, hanno fatto un cameo i creatori di Game of Thrones e non solo. David Benioff e D.B. Weiss hanno ricoperto le parti di due tecnici della Delos alle prese con un Drogon robotico. Proprio così! Il drago superstite tra i figli di Daenerys Targaryen è diventato una delle attrazioni in uno dei parchi tematici della serie TV Westworld!

Nel corso dell'episodio, Bernard Lowe (Jeffrey Wright) e Ashley Stubbs (Luke Hemsworth) cercavano di rintracciare Maeve Millay (Thandie Newton) e scoprire la missione di Dolores Abernathy (Evan Rachel Wood) nel mondo reale. Per farlo si sono intrufolati in una zona dell'azienda di cui non conoscevamo l'esistenza: il Quarto Parco.

Si tratta di un parco a tema fantasy che non può non attirare l'attenzione dei fan di Game of Thrones. Asce, musicanti e costumi medievali hanno fatto da sfondo a una sequenza che ha dato vita a una serie di domande: i due show potrebbero esistere nello stesso universo? Game of Thrones non è altro che un parco della Delos?

Anche se all'apparenza Westworld e Game of Thrones sono due mondi molto distanti (il primo ambientato sulla Terra del 2050 circa, il secondo in un mondo i cui unici continenti conosciuti sono l'Occidentale e l'Orientale), lo spirito di una storia come Il Trono di Spade ben si presta ad essere parte di uno dei tanti progetti della Delos Corporation. Nel film originale di Westworld del 1970 era presente un Mondo Medievale, uno degli scenari tematici della società. Da questo punto di vista, l'esistenza di un vero e proprio GoTWorld nella serie non diventa così improbabile.

A confermarlo non ci sono solamente i già citati oggetti e personaggi dal sapore medievale, ma anche qualcos'altro. Mentre Bernard e Stubbs camminano lungo i corridoi del Quarto Parco, uno degli host ricorda le fattezze di Robert Baratheon e indossa anche i colori della casata: il nero e l'oro del lord delle Terre della Tempesta.

In uno dei laboratori c'è uno degli abiti indossati da Cersei Lannister, sulle pareti, immagini di antichi edifici che hanno ispirato l'architettura di Game of Thrones. Vediamo le città spagnole e croate che hanno fatto da set alla serie basata sui romanzi di George R.R. Martin e persino una fortezza che potrebbe essere Castel Granito.

I riferimenti a Game of Thrones non forniscono qui. Il pezzo forte è infatti il riferimento alle Nozze Rosse, il terribile evento in cui Catelyn Tully Stark e suo figlio Robb Stark perdono la vita.

Mentre la tensione sale nel laboratorio in cui si trovano Stubbs e Bernard, uno dei menestrelli intona la melodia di Westworld, composta da Ramin Djawadi, così come lo sono le musiche di Game of Thrones. È facile qui ricordare il momento in cui uno dei cantastorie presenti al matrimonio di Edmure Tully e Roslyn Frey inizia a suonare la cupa Le piogge di Castamere. Nel frattempo, un vero e proprio massacro ha luogo, con Stubb che brandisce un'ascia bipenne e allontana alcuni soldati della Delos mentre poco più in là le attrazioni del Parco Medievale si godono un ricco banchetto. Vi suona familiare?

Intanto, Benioff e Weiss discutono di una nuova opportunità di lavoro in Costa Rica. Hanno trovato un compratore per un pezzo unico: il robot Drogon, che verrà inviato all'acquirente smontato in tanti piccoli pezzettini.

Se la versione robotica di Drogon verrà spedita nel mondo reale, sarà possibile rivederlo in Westworld? Magari questa volta sarà Dolores a cavalcarlo!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.